farinata

Mezzetta

Mezzetta, a La Spezia e dintorni, è focaccia farcita di farinata, splendido finger food. Il sapore ricorda le “fette” di Savona, e presumo piacerebbe molto agli argentini… Ligucibario® le abbina ovviamente un Vermentino della DOC Colli di Luni, da servirsi a 11°C in tulipani a stelo alto Umberto Curti

Acqui, anzi Aquae Statiellae

Acqui, anzi Aquae Statiellae
Acqui Terme vale un weekend di viaggio approfondito e non frettoloso.  E’ una vita che adoro Acqui Terme, salotto piemontese dove talvolta da Genova salgo anche con la commovente ferrovia di fine Ottocento… Quasi sempre è sabato, e lascio a Luisa la scelta per l’apericena, vagando senza fretta dalla Bollente sino alla Pisterna, ma qualche ...

Moco

Il moco (Lathyrus cicera?) è un legume dal baccello compresso, contenente in genere 2-5 semi, schiacciati, alquanto angolosi (simili a pietruzze), di color bianco o bruno marezzato, e 4-6 mm di diametro, che sono ricchi di sostanze benefiche. Zona di coltivazione è la valle Bormida savonese (almeno sin da fine ‘800), in particolare Cairo Montenotte ...

La spiaggia, Lattuada, Spotorno

La spiaggia, Lattuada, Spotorno
Ricorrono 70 anni da “La Spiaggia”, il film drammatico – con i divi dell’epoca Martine Carol e Raf Vallone – che Alberto Lattuada girò in 82 giorni a Spotorno, preferendola ad Ischia, ed ispirandosi ad un fatto reale… La trama è, di fatto, un j’accuse contro l’ipocrisia dei benpensanti, i quali – tutt’altro che privi ...

Tortellasso

O törtellassö” è la farinata nel Savonese (tendenzialmente di farina bianca e non di ceci, o mista), secondo taluni più sottile e croccante di quella genovese. “Dicunt” che l’origine derivi dal 1528, allorquando Andrea Doria, ai tempi al servizio della Francia, distrusse Savona e interrò il porto. Dopodiché Genova impose dazi sui ceci e quindi ...

Sciamadda

A Genova sciamadda sta per “fiammata”. Sovente ubicati nei carruggi, questi ristori caratterizzati dall’ampio bancone e dalle piastrelle chiare ai muri, sono piccoli – e odorosi – ambienti che prendono il nome dal forno dove brucia la legna, per cucinare anzitutto ampie teglie d’immancabile farinata (di ceci), ovvero l’antica scribilita, e panisse, fritti di pesce/acciughe, ...