10 apr 2017  | Pubblicato in Ligucibario

Il Professor Pesto all’Università…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

 

Con Umberto Curti, mercoledì 5 aprile, il pesto è salito in cattedra al Polo universitario di Imperia (Scienze del turismo). La lezione, per meglio dire la lezione-degustazione, si è svolta nell’àmbito dei Laboratori dedicati agli itinerari liguri di valorizzazione delle produzioni tipiche, dopo l’intervento dell’Assessore regionale al turismo Giovanni Berrino, e di Sarah Pissarello, Presidente di CNA Imperia.
L’artigianato e l’agroalimentare di qualità chiedono infatti d’esser compiutamente raccontati, attraverso un percorso narrativo (storytelling e dintorni) che ne divulghi, difenda e promuova le peculiarità. Ecco i mestieri più antichi e significativi confluire nel marchio “Artigiani in Liguria” (http://www.liguria.cna.it/index.php?option=com_content&task=view&id=86&Itemid=1 ), ecco l’extravergine Riviera Ligure DOP, ecco il basilico genovese DOP, e nei calici ecco il Pigato della DOC Riviera Ligure di Ponente prima che le Malvasie, i Riesling, i Sauvignon…
Molto attenti e – perché no? – molto affascinati gli studenti, che hanno potuto approfondire, con un po’ di acquolina in bocca, le “ragioni” del mortaio in àmbito mediterraneo, l’influsso della romanizzazione, le vicende etno-gastronomiche che portarono il pesto alla “formalizzazione” di metà ‘800 e quindi alla ricetta attuale…
Nella seconda parte della lezione, Umberto Curti ha poi percorso uno ad uno gli ingredienti, le caratteristiche – relative soprattutto agli olii essenziali – del basilico genovese DOP, le stagionature dei due formaggi Parmigiano e Fiore sardo, la corretta successione di lavoro sia col mortaio sia (ove davvero inevitabile) col frullatore, infine gli accostamenti migliori di pasta (lasagne, picagge, trenette, gnocchi, troffiette, testaroli)…
Buon pesto a tutti, dunque, ma che sia pesto! Dato che si fa presto a dire pesto, ma molto pesto è tale, purtroppo, solo nelle parole, e contiene ingredienti che col vero pesto poco, anzi nulla, hanno da spartire…
Luisa Puppo

 

Commenta