14 apr 2023  | Pubblicato in Ligucibario

Pansoti in salsa di storytelling

immagine tratta dal sito di Regione Liguria

immagine tratta dal sito di Regione Liguria

Proseguo, nell’incantevole cornice di Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure, le lezioni di storytelling al corso ITS “Tecnico superiore per la promozione e il marketing delle filiere turistiche e delle attività culturali mediante le nuove tecnologie digitali e i social network”.
Mi valgo di un format che ho messo a punto nel tempo, molto concreto, e che poggia su 6 fasi le quali ingaggiano i corsisti in un lavoro di gruppo. E’ una metodologia che tendenzialmente li motiva, e li “costringe” a coordinare il proprio lavoro a quello altrui…
Dopo lo straordinario viaggio nella focaccia di Recco col formaggio IGP, alimento storyteller che direttamente racconta storie di Crociate e di fughe dai pirati, questa volta ho commissionato ai corsisti i pansoti con la salsa di noci.
E’ stato quindi avviato l’approfondimento della ricetta (non si tratta infatti di un semplice tortello di ricotta e spinaci, bensì di un capolavoro nato da preböggiön e prescinsêua, ovvero da profumate erbe spontanee e da un’acidula cagliata…).
E la salsa di noci appartiene a quell’ampio gruppo di preparazioni al mortaio (l’alfabeto del gusto di Ligucibario® ovviamente le dettaglia tutte), dal celeberrimo pesto di basilico al marò di fave fresche, dal machetto di pesce azzurro (“colatura” erede del garum) all’aggiadda “tempestosa”, salse – ovvero preparazioni a crudo – che caratterizzano la nostra regione assai più di tante altre, e alle quali auguriamo lunga lunghissima eterna vita… A questo link un video per saperne di più.
La ricetta dei golosi “panciuti” (con buona pace del generale Pansoit?) permetterà ai corsisti di lavorare poi su specifiche mindmap, testi “sensoriali” in italiano/inglese e, infine, persino momenti di public speaking, poiché la disinvoltura è sempre buona amica di un’efficace narrazione, ed il lavoro nel turismo – dove la frontline è momento relazionale, empatico, interculturale, di problem solving… – chiama sovente in “scena”, chiama a performance adeguate, ad accoglienze su misura di ospiti e gourmet…
Pansoti, dicevo… Profumo di sfoglia, profumo di erbe, e nei tulipani ovviamente un ligurissimo DOC Pigato, da servire a 10-11°C (un po’ più fresco d’estate, un po’ meno fresco d’inverno). Prosit.
Umberto Curti
umberto curti

Commenta