22 dic 2023  | Pubblicato in Ligucibario

A Calizzano per Natale nevica?

calizzano

calizzano

Ieri il lavoro mi ha permesso un poco di tempo per “badare” ai regali di Natale e ad alcune delle “scadenze” che questa festa – che come Luisa amo tuttora di tutto cuore – comporta: telefonate, bigliettini d’auguri, spesa “golosa”, fra cui o pandöçe zeneize per il 25 e le lenticchie per il 31. Ho girato la città, bellissima, ma un po’ frastornato, fra autobus inevitabilmente affollati, sirene e lampeggianti, persone freneticamente in cerca di idee e di merci da metter sotto l’albero…

Abbiamo vissuto stagioni difficili, fra pandemie e guerre, che purtroppo paiono protrarsi. Siamo esseri umani, ben poco onnipotenti ed eterni, anzi fragili e confusi.

E ho pensato a Calizzano, al carruggio silenzioso che conduce alla chiesa, un presepe a grandezza naturale, ho immaginato le luminarie, l’agriturismo che m’accoglie d’estate e le botteghe dove faccio la spesa, quest’anno direi che non nevicherà, ma ho chiuso gli occhi e ho sentito l’odore delle stufe a legna, ho pensato ai faggi che accompagnano le mie camminate sempre insieme a Luisa, ed ai caprioli che fanno capolino e poi dileguano lungo il colle del Quazzo, e ho detto loro arrivederci a presto.

Poi ho pensato alle persone che “fanno” la mia Calizzano, dato che senza di loro Calizzano non sarebbe quel che è. E ho immaginato che fra alcuni mesi toccherà loro nuovamente di sopportarmi… Buon Natale allora (davvero spero di non dimenticare nessuno!) a Adele, Agostino, Alessia, Alessio, Alex, Carla, Cecilia, Cristiana, Daniela, Deborah, Delia, Enrica, Ernesto, Gianni, Giorgia, Giuliana, Lorenza, Luisa, Roberta, Roberto, Sandra, Valeria… E che il 2024 vostro e mio sia ricco di salute e di serenità, il resto venga da sé, nell’auspicio di meritare ciò che è buono e giusto. Insieme a Luisa vi abbraccio tutti, e tu Sandra tieni in caldo il foglietto promemoria coi giornali da tenerci…

Umberto Curti
umberto curti

Commenta