12 feb 2014  | Pubblicato in Ligucibario

San Valentino di cioccolato – chocolate Valentine

Due cuori e una pralina, ma dietro tanto lavoro appassionato

Due cuori e una pralina, ma dietro tanto lavoro appassionato

Una storia millenaria, ma nota solo da quando Colombo e Cortés scopersero il Nuovo Mondo, questo è il cioccolato, quella tentazione profumata nelle vetrine delle botteghe e sugli scaffali dei supermercati… Ma il cioccolato non è tutto uguale (leggete le etichette), e per fortuna l’Italia si dimostra Paese che sul tema ha scritto, sin dal ‘700, belle pagine. Il cioccolato è amore, per la passione che affratella l’artigiano che lo “estrae” dalle fave di cacao e il buongustaio. E l’amore è cioccolato, per la dolcezza che accomuna il miglior sentimento umano e l’alimento definito – dal botanico svedese Linneo – “cibo divino”. Amore… Recita il Dizionario enciclopedico italiano Treccani: “…viva affezione verso una persona, che si manifesta come desiderio di procurare il suo bene e di ricercarne la compagnia(…)Sentimento naturale che attrae e unisce(…)In senso più spirituale, lo slancio dell’uomo verso Dio e le cose celesti, e reciprocamente la benevolenza che Dio accorda alle creature.” Il 14 febbraio rappresenta un giorno speciale, San Valentino è martire suppliziato – non a caso – per l’amore che elargiva. A questo punto un cioccolatino appare il regalo più charmant per allietare la persona amata e celebrare la festa. Goethe, l’autore del “giovane Werther”, donava cioccolato – e fiori – alle sue belle, “Mi appari ben disposta nei miei confronti: sorridesti per il mio regalino. E se io solo ho i tuoi favori beh, nessuna tavoletta è troppo piccola.”

Dovete scegliere, ovviamente, il cioccolatino adatto a chi lo riceve. Il cioccolatino dove trionfano morbido il burro di cacao (mai le MGS!) ed elegante la vaniglia (mai il surrogato chimico!), quello che nasce amorevolmente dalle mani di un chocolatier. A metà del ‘900, a Milano, per gli sposi non abbienti la luna di miele si riduceva a una gita sui laghi, ma prima di porsi in viaggio quei Renzo&Lucia novecenteschi sostavano in una nota pasticceria, vicina alle guglie del Duomo, per una cioccolata (e una fetta di panetùn). Quali altri alimenti entusiasmano così tante persone (dai bimbi agli adulti)? Quanti alimenti vantano così tante proprietà? Il cioccolato è un antiossidante che contrasta i radicali liberi, prevenendo l’invecchiamento cellulare che predispone a patologie come l’aterosclerosi. Un antidepressivo, che giova all’umore e contrasta l’ansia (pane e cioccolato = serotonina e benessere). Può coadiuvare la riduzione del colesterolo nel sangue (il burro di cacao è un ottimo grasso vegetale). Contiene flavonoidi in grado, agendo anche sulle pareti dei vasi, di proteggere il cuore dall’aterosclerosi. Fornisce sùbito abbondante energia (è lo spuntino dei trekker!). Aiuta alcune prestazioni cerebrali fra cui la memoria. Infine, il prodotto di qualità non contiene OGM (per fortuna non risulta cacao OGM). Se poi avete a cuore il pianeta, e la manodopera (anche minorile) sfruttata nelle piantagioni del Nuovo Mondo, “Fair Trade” è la sigla del prodotto equo e solidale, che pospone il profitto “ad ogni costo” alla tutela dei lavoratori e al miglioramento delle condizioni locali. Come canta Roberto Vecchioni, “Forse non lo sai ma pure questo è amore”. Pure questo piacerà a San Valentino.

A millenary history, though it is known only since the age of Columbus and Cortés: this is chocolate. Yet, products are not all the same (read the labels). Chocolate is love, a passion that unites craftsmen and gourmets. Love is chocolate, a sweetness that unites the best human feeling and the fare of the Gods (Theobroma). February 14th is a special day, since Saint Valentine was tortured because he loved mankind. A good praline is the best gift to make your partner happy and to celebrate the date. Goethe, in fact, gave his loved ones chocolate (and flowers). Make sure to choose the right chocolate, where you feel cocoa butter (an excellent vegetal fat), natural vanilla and the chocolatier’s accuracy. In Milan, at the half of the 20th century, several newlyweds went on an excursion to the nearby lakes as their honeymoon. But before setting off, they visited a renowned pastry shop near the Duomo to enjoy a cup of chocolate (and a slice of panettone). At the same time, that cup benefited their health, too. Chocolate is an anti oxidant. An anti depressant. It can foster the decrease of cholesterol. It contains flavonoids. It rapidly provides loads of energy (chocolate is among the best trekkers’ snacks). It helps memory. Furthermore, quality products do not include GMOs. Lastly, if you love the Planet and care for the safety of the workforce (minors as well) who are exploited in some plantations, “Fair Trade” identifies those products where mere profit is not the only aim. Saint Valentine will like this, too.

Umberto Curti & Luisa Puppo, Ligucibario®

 

Commenta