| Alfabeto del Gusto

Cadrai

Erano di fatto ristori galleggianti, chiatte attrezzate per la somministrazione.
Che affiancavano le navi all’àncora nei grossi porti liguri, in primis ovviamente Genova, per rifocillare, con minestrone caldo – e comunque piatti con verdure fresche – equipaggi sfiniti (decimati) dalle lunghe navigazioni*, durante le quali il vitto di bordo (dove igiene e catene del freddo erano miraggi), un vitto beninteso “condiviso” con topi e scarafaggi, si riduceva a gallette, cibi secchi, olive conservate, talvolta miele.
Nei casi più fortunati si caricavano gabbie per il pollame, e qualche battuta di pesca fortunata regalava menu un poco più proteici e vari.
Questi cadrai (catering) ebbero via via nomi famosi, Dria, Ruscin…
*e da scorbuto e molte altre patologie
Umberto Curti

Commenta