| Liguvinario > Vino: Domande & Risposte

Quand’è che un vino si fregia del titolo di DOC?

La classificazione italiana del ’63 (dall’alto al basso DOCG, DOC, IGT, vino da tavola) “rifletteva” le consolidate esperienze francesi, dove i 4 livelli si chiamano rispettivamente AOC, VDQS, vin du pays e vin de table.

Un vino è DOC quando, sostanzialmente, viene prodotto rispettando un protocollo disciplinare e all’interno di una specifica zona (DOCG è quello di ulteriore pregio, e diviene tale dopo aver meritato la DOC per almeno 5 anni).
Dal 2009, in seguito alle decisioni dell’UE dapprima del 2002 (VQPRD) e poi del 2008 (aggregazione in DOP), non si assegnano più nuove DOC, ma beninteso i vini che vantano già questa denominazione sono legittimati a ripeterla.

I vini DOC, in Italia, si attestano attualmente intorno ai 300, i DOCG intorno ai 45. La querelle è sempre aperta, perché alle DOC si imputa da un lato un’eccessiva rigidità, ad esempio per quanto attiene all’affinamento di alcune produzioni, dall’altro un’eccesiva tolleranza, ad esempio per quanto attiene a vitigni e rendimenti alla base di altre.

Commenta