| Liguvinario > Vino: Domande & Risposte

Ok il Malbech, ma il Carmenère?

Forse, addirittura, io preferisco il Carmenère al Malbech. Sono contento di quest’interesse dei miei lettori per i bordolesi trapiantati in America Latina, il carmenère è vitigno che onora il Cile, le Ande, ma anche più a nord la California, là non patisce la “colatura” (rari acini) che lo affliggeva nel Vecchio Mondo, un po’ a causa del clima, un po’ a causa dell’impollinazione. Patì, beninteso, anche l’arrivo della fillossera.
Origina da conquiste e intuizioni romane lungo le coste dell’Europa orientale. In Italia oggi regge bene in Veneto e Friuli, ed è sempre più che leale negli uvaggi. Alla fine di tanti viaggi, ha un bel rubino nel bicchiere, una bella struttura e un bel tenore alcolico, con sentori vegetali che via via virano verso le spezie. Io lo preferisco a tanti Merlot e lo abbino – in linea di massima – ai piatti preferiti di mia moglie, la sciura Luisa buongustaia, ovvero i salumi, i roastbeef e i filetti di bovino.

Commenta