| Lessico delle Arti Alimentari > B - Lessico

Bio

sta per viticoltura biologica, che vieta l’utilizzo di prodotti enologici o antiparassitari di sintesi. L’ideologia “bio” nasce in Germania negli anni ’20, grazie all’agronomo Ehrenfried Pfeiffer che a sua volta si ispirò alle teorie dell’antroposofo Rudolf Steiner (www.rudolfsteiner.itewww.vino-biologico.it). Implica il rifiuto di fertilizzanti, diserbanti, insetticidi, anticrittogamici o altri prodotti chimici di sintesi che oggi la viticoltura tradizionale addiziona ad uve e vino. Fa dunque uso – prefiggendosi un’ecosostenibilità meritoria – di letame, compost, zolfo, rame, lieviti autoctoni (Andrea Scanzi, Elogio dell’invecchiamento, ed. Mondadori, Milano, 2007, p. 182)… Cosmo, uomo, dinamiche naturali e tecniche agricole devono cooperare per consegnare ai posteri un terreno pari o migliore di quello che è giunto a noi…

Commenta