24 lug 2023  | Pubblicato in Ligucibario

IEHCA, felice networking Umberto Curti! 1

foto libro preistoriaI giorni scorsi il nostro Umberto Curti, per profilo professionale e produzioni saggistiche, è entrato nell’Annuario dei ricercatori europei di IEHCA, l’Institut Européen d’Histoire et des Cultures de l’Alimentation, che ha sede in Villa Rabelais a Tours, in Francia, non lontano dai più celebri castelli della Loira.

La prestigiosa istituzione (link qui), nata nel 2001 grazie all’allora ministro dell’educazione Jack Lang e a Francis Chevrier, agisce per lo sviluppo interdisciplinare della cultura del cibo. Eventi, master, convegni e una poderosa attività pubblicistica contribuiscono a divulgare anche presso il grande pubblico la conoscenza di ciò che mangiamo, via via valorizzando il patrimonio ed i saperi alimentari del mondo intero.

IEHCA, che è contemporaneamente associazione e fondazione, è “retto” da un consiglio scientifico di cui fanno parte accademici, francesi e non, che garantiscono la qualità dei vari approcci storico, scientifico, antropologico, sociale, letterario… E’ ovviamente frutto della sua intraprendenza anche il progetto di iscrizione, da parte Unesco, del “pasto gastronomico del popolo francese” (2010) nell’elenco rappresentativo dei patrimoni culturali immateriali, e a tale tema Francis Chevrier ha non a caso dedicato un suo saggio, apparso nel 2011 (il “repas” propone uno schema assai definito: inizia con un aperitivo e si conclude con un digestivo, inframmezzati da almeno 4 portate, una “entrée”, del pesce o della carne con verdure, formaggio e dessert).

Dal 2012, la fondazione IEHCA ha assegnato il Premio François Rabelais per gratificare “una persona per il suo lavoro al servizio della promozione del patrimonio culturale del cibo in Francia o nel mondo”, e primo vincitore è risultato Massimo Montanari, il noto storico imolese – oggi 74enne – cui la gastronomia italiana contemporanea deve molto.

Per chi come me è golosa pure di libri, sottolineo infine che IEHCA consta anche di una “miniera” bibliotecaria di circa 10mila volumi (multilingue) e circa 80 riviste tematiche… Essa ancora una volta “aggrega” studi relativi a tutte le epoche storiche e le territorialità, last not least aprendosi talora a tematismi quanto mai peculiari grazie ad alcuni fondi specializzati (raccolte di menu di ristoranti stellati, documentazioni agricole, recensioni…). Quanto mi sarebbe piaciuto, da studentessa, frequentarla.

Felicitazioni dunque a Umberto Curti, inserito nell’Annuario dei ricercatori di un simil consesso, e auguri di buon lavoro e proficuo networking!

Luisa Puppo

One comment on “IEHCA, felice networking Umberto Curti!

  1. Commenta Maurizia Spotorno ago 9, 2023 01:59

    Bravissimo Umberto!
    Un riconoscimento più che meritato.
    Sincere congratulazioni

Commenta