26 apr 2016  | Pubblicato in Ligucibario

Formazione e turismo: quando la reception si rinnova 2

A Genova, aperte le iscrizioni al corso gratuito di qualifica “Addetto al Ricevimento”

reception albergo territorio

Reception, cuore dell’albergo e del territorio

Una splendida opportunità formativa, gratuita grazie a finanziamenti europei…
Là dove la struttura ricettiva è sovente centro e motore delle dinamiche turistiche, il suo cuore – la reception – deve attualizzare il proprio ruolo anche proponendo al cliente una fruizione del territorio “su misura”. Un valore aggiunto di qualità non solo per la struttura, ma per l’intera destinazione turistica.

Su questo assunto si basa “Addetto al ricevimento”, il corso di qualifica organizzato da Iscot Liguria (ente di formazione di Ascom Confcommercio) e presentato a Genova il 26 aprile durante l’Open Day dedicato alla nuova programmazione FSE di Regione Liguria.

“Gli andamenti occupazionali riferiti in Liguria alla figura professionale del receptionist mostrano un incremento dell’11,4 % tra 2012 e 2014”, segnala la Dottoressa Luisa Puppo, progettista e docente per Iscot Liguria, evidenziando i link tra questo trend e la crescita del turismo culturale (incluso quello enogastronomico): “nell’attuale congiuntura è uno dei segmenti che meno risente della crisi e trova anche in Liguria un’ampia gamma di richiami – patrimoni ambientali e storico-artistici e un ricco corredo di tipicità enogastronomiche, di prodotti artigianali, di botteghe storiche, di momenti folklorici a tema”. Indagini e riscontri a livello regionale e nazionale evidenziano come in tale contesto la reception sia chiamata a svolgere un ruolo propositivo, fornendo informazioni e proposte che indirizzino la clientela interessata verso un’idonea fruizione dei beni turistici locali. L’obiettivo è interpretare ed appagare le diverse esigenze e aspettative della clientela individuando, caso per caso, i contenuti del territorio più in grado di interessarla e spendendosi affinché tale clientela riparta soddisfatta, arricchita da escursioni, visite, esperienze e propensa al passaparola positivo.

“Il progetto corsuale recepisce queste sfide, e attualizza le indicazioni della scheda profilo del repertorio regionale, con contenuti didattici ad hoc, definiti in collaborazione con imprese, esperti di settore, Università”, prosegue Luisa Puppo. I contenuti del corso riflettono i requisiti segnalati dalle aziende per l’addetto alla reception: conoscere a fondo la propria regione e il funzionamento di una struttura ricettiva, interagire con gli altri attori pubblici e privati dell’offerta turistica (si pensi solo ai settori fiere e crociere), comunicare efficacemente (al telefono, vis à vis, on line), praticare almeno 2 lingue straniere, utilizzare adeguatamente web e social, gestire reclami ed imprevisti, prevenire e vigilare, sapersi dunque muovere in una prospettiva di custode. La didattica avrà un taglio il più possibile attiva e coinvolgente grazie alla proposta di casi studio concreti, esercitazioni in basket, testimonianze di operatori, visite aziendali guidate…

“Addetto al ricevimento” è rivolto a disoccupati diplomati over 24. Prevede una durata di 600 ore, di cui 420 in aula e 180 di stage. Iscrizioni aperte fino al prossimo 13 maggio, ammissione subordinata al superamento delle prove di selezione (prova scritta e colloqui orali).

Per informazioni e iscrizioni
ISCOT LIGURIA  16121 GENOVA PIAZZA DELLA VITTORIA 11/6 2°PIANO   DALLE 8,00 ALLE
18,00 in orario continuato  dal  18/04/2016  al 13/05/2016
Telefono per informazioni 0105520245  – 246 – 248 – 249 – 232 – 272
www.iscot.liguria.it  info@iscot.liguria.it   piazzavittoria@iscot.liguria.it.

2 thoughts on “Formazione e turismo: quando la reception si rinnova

Lascia un commento a gally10 Elimina Commento