| Alfabeto del Gusto > P - Alfabeto

Patata quarantina

Detta anche “bianca di Torriglia” e a Levante “gianca de Reuppia” (Reuppia è una parrocchia in Val Graveglia) la incontri magnificamente in Valle Scrivia, Val Fontanabuona, Val Trebbia. La patata quarantina, a ciclo breve, è la patata della montagna ligure e genovese, alimento che per più di due secoli – dal ‘700 al secondo anteguerra – ha nutrito e dato lavoro alle generazioni passate. Poi rischiò di scomparire.

E’ un tubero chiaro e sodo, di straordinaria qualità e gradevolezza. Entra in vari piatti perché “povero” di grassi ma assai ricco di sali naturali (fra cui il potassio), di glucidi, di vitamina C. Possiede anche effetti cicatrizzanti sulle mucose dello stomaco.

A Neirone (Val Fontanabuona) una sagra si svolge a fine agosto tra le frazioni di Roccatagliata e Corsiglia. Te la consiglio anche per impastare gli gnocchi e per preparare le torte baciocche, per il tegame coi funghi, per tortini e purée. E di accompagnamento allo stoccafisso, un’altra tipicità ligure da consumarsi specialmente bollito o accomodato.

Commenta