| Alfabeto del Gusto > G - Alfabeto

Galantina

Piatto di Natale (di vitello o cappone disossato), la parola proviene da gelatina. E’ una “cima” di tipo rinascimentale (ma trova un antenato ancor più remoto nel pollo ripieno descritto da Apicio nel De re coquinaria). I dadini di carne, arricchiti da prosciutto, pistacchi ecc., si amalgamano in una farcia. Si cuce tutto in un involucro di carne che verrà lessata, raffreddata e servita affettata in gelatina. Ideale un abbinamento col DOC Pornassio Sciac-trà, rosato, alla giusta temperatura nei giusti calici.

Commenta