D – Alfabeto

Da sciancu

A Ortovero (SV), così chiamavano il Pigato nero.

Dellepiane Gaspare

Compilò intorno al 1880 un ricettario delle abbazie di Portofino (Cucina di strettissimo magro), citato anche dal gastronomo Massimo Alberini in Liguri a tavola.

Dianin

A Diano Marina (IM), pasta fresca corta da condirsi con pesto e pomodori secchi in addobbo. Aspira alla de.co.

Diretta

È un vitigno francese (uva bianca e nera) che qualche vignaiolo di Toirano (SV) trattava a passito.

Distillato di prugna

Tecnica antica (agli arabi dobbiamo l’alambicco), la distillazione è la condensazione dei vapori dell’ebollizione, vapori che avranno un alto contenuto alcolico. Avviene in 3 fasi chiamate testa, cuore (fra cui ovviamente la buona grappa), coda. L’aggiunta di essenze odorose e di zuccheri trasforma le bevande ...

Dita di Nettuno

In Dellepiane (1880) polpette di pesce, fritte, con salsa di mare. Il nome è dovuto alla forma cilindrica. Sono dette “occhi di balena” (con piccole varianti, e cottura al forno) se di forma tonda. Nella salsa via via si aggiunse pomodoro. Con le polpette di ...